Minimum problems 1

Metodo indiretto, metodo diretto, rilassamento, Gamma convergenza
Messaggio
Autore
Carmine
Affezionato frequentatore
Affezionato frequentatore
Messaggi: 85
Iscritto il: lunedì 16 novembre 2015, 22:25

Minimum problems 1

#1 Messaggioda Carmine » sabato 16 gennaio 2016, 18:39

Nell'esercizio 3 di pagina 25, c'e' qualche condizione che manca? Soprattutto il punto 2 mi pare falso, ad esempio prendendo f=0 ovunque in [a,b].

Al netto di errori, a me e' venuto da risolvere il seguente sistema:
-u"=u-f
u'(a)=u'(b)=0
che non sempre ammette soluzione unica, e' facile rendersi conto di cio', nel caso in cui f=0.

Avatar utente
Massimo Gobbino
Amministratore del Sito
Amministratore del Sito
Messaggi: 2197
Età: 51
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2004, 19:00
Località: Pisa
Contatta:

Re: Chiarimento su un esercizio

#2 Messaggioda Massimo Gobbino » sabato 16 gennaio 2016, 19:12

Carmine ha scritto:Nell'esercizio 3 di pagina 25, c'e' qualche condizione che manca?


Ops, ho messo il segno sbagliato :oops:. C'è la somma dei due quadrati, altrimenti sono guai (punti coniugati, mancata esistenza). Ho corretto il file.

Grazie a nome anche delle future generazioni che useranno quegli esercizi (if any :? ).

Carmine
Affezionato frequentatore
Affezionato frequentatore
Messaggi: 85
Iscritto il: lunedì 16 novembre 2015, 22:25

Re: Minimum problems 1

#3 Messaggioda Carmine » sabato 16 gennaio 2016, 19:26

Esistenza e unicitá via metodo diretto e convessitá, giusto? Non mi pare il caso di tirar fuori il caro vecchio teorema delle contrazioni (che, a occhio, mi pare che funzioni).

Avatar utente
Massimo Gobbino
Amministratore del Sito
Amministratore del Sito
Messaggi: 2197
Età: 51
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2004, 19:00
Località: Pisa
Contatta:

Re: Minimum problems 1

#4 Messaggioda Massimo Gobbino » sabato 16 gennaio 2016, 19:33

Non scomoderei il metodo diretto, ma userei la teoria generale delle equazioni differenziali lineari (l'insieme delle soluzioni è uno spazio affine, bla bla bla).

Poi possiamo discutere sul fatto che la teoria generale delle equazioni lineari si dimostra con le iterate o con il punto fisso, che alla fine poi è la stessa cosa. Il punto essenziale è però che la teoria delle equazioni lineari parte da un approccio con condizioni di Cauchy, e quel tipo di argomenti di solito si esporta malissimo ai problemi con condizioni al bordo.


Torna a “Calcolo delle Variazioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite